Allenarsi a casa – Le iniziative della Federazione

Allenarsi a casa – Le iniziative della Federazione

Allenarsi a casa si può. Il Centro Studi della FCI, in attesa che passi l’emergenza Covid-19, ha attivato una sezione specifica sul sito federale per tutti coloro che voglio continuare a svolgere la propria attività ciclistica

Allenarsi a casa si può!

La Federazione Ciclistica, in attesa che passi l’emergenza Covid-19 e nel rispetto delle indicazioni fornite dalle Istituzioni, che raccomandano un comportamento responsabile e l’uscita da casa solo per motivi urgenti e non derogabili, ha attivato una serie di iniziative volte a favorire l’allenamento a casa.

Il Centro Studi della Federazione ha predisposto diversi piani per l’allenamento in casa con, in alcuni casi, anche dimostrazioni video.

Sono costanti infatti gli aggiornamenti sul sito federale, che ha creato una sezione specifica denominata “Allenarsi a casa“, in cui verranno pubblicati piani di allenamento specifici per diverse categorie.

Dagli esercizi base per l’equilibrio statico in bicicletta, alle esercitazioni a corpo libero per la combinazione motoria, fino a veri e propri training programs per Juniores, Under 23 e Master. Troverete inoltre anche news riguardo le opportunità di allenamento streaming, come nel caso dell’appuntamento fisso e gratuito, alle 18 di ogni giorno, con l’ex pro Angelo Furlan, attualmente Istruttore Nazionale e Formatore del Centro Studi della FCI per un’ora di lezione di “indoor cycling” sul suo canale Facebook angelofurlan360, e l’opportunità offerta da Bikevo a tutti i tesserati per un abbonamento gratuito per 60 giorni con il portale di coaching.

ALLENARSI A CASA

Pubblicato in home

Tesseramento 2020

Tesseramento alla FCI

Per “entrare nel gruppo” del ciclismo organizzato è necessario tesserarsi alla F.C.I.

Con la tessera si ha diritto a partecipare alle decine di manifestazioni che settimanalmente si svolgono in Italia. Non solo, ma il tesseramento alla federazione garantisce una copertura assicurativa infortuni e responsabilità civile verso terzi per tutti gli incidenti che possono derivare nell’uso della bicicletta sia in gara che in allenamento.

NON E’ POSSIBILE IL TESSERAMENTO INDIVIDUALE: la tessera deve essere richiesta al Comitato Territoriale Competente tramite una delle società affiliate alla Federazione Ciclistica Italiana e deve essere corredata da un certificato medico di idoneità, secondo il tipo di attività che si intende svolgere.

I Comitati Regionali della Federazione sono a disposizione di tutti coloro che hanno necessità di informazioni per reperire società che svolgano attività ciclistica nella propria zona di residenza. (recapiti dei Comitati Regionali)

Per maggiori informazioni scrivi a : info@pedalepietrasantino.it

Il tesseramento ha validità annuale.

La tessera F.C.I. è rilasciata a tutti, a partire dai sette anni in poi, secondo il tipo di attività, per le seguenti categorie:

GIOVANISSIMI:
per svolgere attività ludica e partecipare ad attività specifica (dai sette ai dodici anni);

Ogni domenica, in ogni provincia, per quasi tutto l’arco dell’anno ci sono iniziative che interessano i “giovanissimi” (come si è soliti chiamare gli appartenenti a questa categoria), per cui non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Ogni classe d’età rappresenta una categoria, sia maschile che femminile secondo il seguente schema:

7 anni cat. G1

8 anni cat. G2

9 anni cat. G3

10 anni cat. G4

11 anni cat. G5

12 anni cat. G6

Per garantire la tutela della salute dei ragazzi che svolgono ciclismo, la F.C.I. prevede specifiche norme tecniche tendenti ad evitare qualsiasi forma di eccesso nell’attività agonistica.

E’ obbligatorio l’uso del casco.

Queste sono le specialità gestite ed organizzate dalla F.C.I. tramite le proprie società affilate:

  • gare su strada
  • velocità e bmx
  • gimkana e mountainbike
  • cicloturismo scolastico
  • CATEGORIE AGONISTICHE:
    per svolgere l’attività ciclistica “ufficiale” a partire dai 13 anni.

    La Federazione Ciclistica Italiana propone ai suoi tesserati dai 13 anni in poi iniziative e programmi interessanti ed alla portata di tutti.

    Ci riferiamo in particolare:

    all’attività su strada, la più classica e conosciuta, che rivive nuovi splendori durante le grandi occasioni agonistiche come la Milano San Remo, il Giro d’Italia, il Tour de France, i Campionati del Mondo;

    al ciclismo su pista, forse meno pubblicizzato ma non per questo meno entusiasmante, che racchiude in sé tutto il fascino della bicicletta: l’ebbrezza della velocità, la scaltrezza, la perfezione meccanica;

    alle attività fuoristrada, certamente più vicine alle esigenze dell’uomo di oggi, in quanto consentono un immediato impatto con la natura e nello stesso tempo non negano quelle prerogative tecniche ed emotive strettamente collegate allo sport delle due ruote; parliamo del ciclocross ove oltre a pedalare si percorrono obbligatoriamente a piedi tratti con ostacoli naturali od artificiali; del mountainbike, che senza dubbio è l’espressione più attuale del ciclismo moderno; del bmx, dove funambolismo e velocità si mescolano in un tessuto ambientale vivace e colorato;

    CATEGORIE DI CICLISMO PARALIMPICO:
    per l’attività degli atleti diversamente abili.

    CATEGORIE AMATORIALI:
    cicloturisti: per svolgere attività escursionistica, a partire dai 13 anni in poi, un’attività sana ove è bandita ogni forma di agonismo di gruppo, ma che consente al praticante momenti di indescrivibile relax, occasioni di aggregazione con gli altri e, per chi lo vuole, possibilità di un confronto non certo esasperato con se stessi.

    ciclosportivi: categoria di nuova istituzione per svolgere attività agonistica dai 13 anni in poi (vai al comunicato).

    cicloamatori: per svolgere attività agonistica di tipo sociale, a partire dai 17 anni e fino a 65 anni.

  • Per maggiori informazioni consulta il sito della Federazione Italiana Ciclismo
Pubblicato in home